Footer menù

Testo del canto 13 (XIII) del poema Orlando Furioso

10
E perché vieta la diversa fede
(essendo egli cristiano, io saracina)
ch’al mio padre per moglie non mi chiede,
per furto indi levarmi si destina.
Fuor de la ricca mia patria, che siede
tra verdi campi allato alla marina,
aveva un bel giardin sopra una riva,
che colli intorno e tutto il mar scopriva.

11
Gli parve il luogo a fornir ciò disposto,
che la diversa religion ci vieta;
e mi fa saper l’ordine che posto
avea di far la nostra vita lieta.
Appresso a Santa Marta avea nascosto
con gente armata una galea secreta,
in guardia d’Odorico di Biscaglia,
in mare e in terra mastro di battaglia.

12
Né potendo in persona far l’effetto,
perch’egli allora era dal padre antico
a dar soccorso al re di Framcia astretto,
manderia in vece sua questo Odorico,
che fra tutti i fedeli amici eletto
s’avea pel più fedele e pel più amico:
e bene esser dovea, se i benefici
sempre hanno forza d’acquistar gli amici.

13
Verria costui sopra un navilio armato,
al terminato tempo indi a levarmi.
E così venne il giorno disiato,
che dentro il mio giardin lasciai trovarmi.
Odorico la notte, accompagnato
di gente valorosa all’acqua e all’armi,
smontò ad un fiume alla città vicino,
e venne chetamente al mio giardino.

14
Quindi fui tratta alla galea spalmata,
prima che la città n’avesse avisi.
De la famiglia ignuda e disarmata
altri fuggiro, altri restaro uccisi,
parte captiva meco fu menata.
Così da la mia terra io mi divisi,
con quanto gaudio non ti potrei dire,
sperando in breve il mio Zerbin fruire.

15
Voltati sopra Mongia eramo a pena,
quando ci assalse alla sinistra sponda
un vento che turbò l’aria serena,
e turbò il mare, e al ciel gli levò l’onda.
Salta un maestro ch’a traverso mena,
e cresce ad ora ad ora, e soprabonda;
e cresce e soprabonda con tal forza,
che val poco alternar poggia con orza.

16
Non giova calar vele, e l’arbor sopra
corsia legar, né ruinar castella;
che ci veggian mal grado portar sopra
acuti scogli, appresso alla Rocella.
Se non ci aiuta quel che sta di sopra,
ci spinge in terra la crudel procella.
Il vento rio ne caccia in maggior fretta,
che d’arco mai non si aventò saetta.

17
Vide il periglio il Biscaglino, e a quello
usò un rimedio che fallir suol spesso:
ebbe ricorso subito al battello;
calossi, e me calar fece con esso.
Sceser dui altri, e ne scendea un drappello,
se i primi scesi l’avesser concesso;
ma con le spade li tenner discosto,
tagliar la fune, e ci allargammo tosto.

18
Fummo gittati a salvamento al lito
noi che nel palischermo eramo scesi;
periron gli altri col legno sdrucito;
in preda al mare andar tutti gli arnesi.
All’eterna Bontade, all’infinito
Amor, rendendo grazie, le man stesi,
che non m’avessi dal furor marino
lasciato tor di riveder Zerbino.

19
Come ch’io avessi sopra il legno e vesti
lasciato e gioie e l’altre cose care,
pur che la speme di Zerbin mi resti,
contenta son che s’abbi il resto il mare.
Non sono, ove scendemo, i liti pesti
d’alcun sentier, né intorno albergo appare;
ma solo il monte, al qual mai sempre fiede
l’ombroso capo il vento, e ‘l mare il piede.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web