Footer menù

Testo del canto 13 (XIII) del poema Orlando Furioso

1
Ben furo aventurosi i cavallieri
ch’erano a quella età, che nei valloni,
ne le scure spelonche e boschi fieri,
tane di serpi, d’orsi e di leoni,
trovavan quel che nei palazzi altieri
a pena or trovar puon giudici buoni:
donne, che ne la lor più fresca etade
sien degne d’aver titol di beltade.

2
Di sopra vi narrai che ne la grotta
avea trovato Orlando una donzella,
e che la dimandò ch’ivi condotta
l’avesse: or seguitando, dico ch’ella,
poi che più d’un signiozzo l’ha interrotta,
con dolce e suavissima favella
al conte fa le sue sciagure note,
con quella brevità che meglio puote.

3
– Ben che io sia certa (dice), o cavalliero,
ch’io porterò del mio parlar supplizio,
perché a colui che qui m’ha chiusa, spero
che costei ne darà subito indizio;
pur son disposta non celarti il vero,
e vada la mia vita in precipizio.
E ch’aspettar poss’io da lui più gioia,
che ‘l si disponga un dì voler ch’io muoia?

4
Isabella sono io, che figlia fui
del re mal fortunato di Gallizia.
Ben dissi fui; ch’or non son più di lui,
ma di dolor, d’affanno e di mestizia.
Colpa d’Amor; ch’io non saprei di cui
dolermi più che de la sua nequizia,
che dolcemente nei principi applaude,
e tesse di nascosto inganno e fraude.

5
Già mi vivea di mia sorte felice,
gentil, giovane, ricca, onesta e bella:
vile e povera or sono, or infelice;
e s’altra è peggior sorte, io sono in quella.
Ma voglio sappi la prima radice
che produsse quel mal che mi flagella;
e ben ch’aiuto poi da te non esca,
poco non mi parrà, che te n’incresca.

6
Mio patre fe’ in Baiona alcune giostre,
esser denno oggimai dodici mesi.
Trasse la fama ne le terre nostre
cavallieri a giostrar di più paesi.
Fra gli altri (o sia ch’Amor così mi mostre,
o che virtù pur se stessa palesi)
mi parve da lodar Zerbino solo,
che del gran re di Scozia era figliuolo.

7
Il qual poi che far pruove in campo vidi
miracolose di cavalleria,
fui presa del suo amore; e non m’avidi,
ch’io mi conobbi più non esser mia.
E pur, ben che ‘l suo amor così mi guidi,
mi giova sempre avere in fantasia
ch’io non misi il mio core in luogo immondo,
ma nel più degno e bel ch’oggi sia al mondo.

8
Zerbino di bellezza e di valore
sopra tutti i signori era eminente.
Mostrammi, e credo mi portasse amore,
e che di me non fosse meno ardente.
Non ci mancò chi del commune ardore
interprete fra noi fosse sovente,
poi che di vista ancor fummo disgiunti;
che gli animi restar sempre congiunti.

9
Però che dato fine alla gran festa,
Il mio Zerbino in Scozia fe’ ritorno.
Se sai che cosa è amor, ben sai che mesta
restai, di lui pensando notte e giorno;
ed era certa che non men molesta
fiamma intorno al suo cor facea soggiorno.
Egli non fece al suo disio più schermi,
se non che cercò via di seco avermi.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!