Footer menù

Testo del canto 12 (XII) del poema Orlando Furioso

70
Questi con l’altro esercito pagano
quella invernata avean fatto soggiorno,
chi presso alla città, chi più lontano,
tutti alle ville o alle castella intorno:
ch’avendo speso il re Agramante invano,
per espugnar Parigi, più d’un giorno,
volse tentar l’assedio finalmente,
poi che pigliar non lo potea altrimente.

71
E per far questo avea gente infinita;
che oltre a quella che con lui giunt’era,
e quella che di Spagna avea seguita
del re Marsilio la real bandiera
molta di Francia n’avea al soldo unita;
che da Parigi insino alla riviera
d’Arli, con parte di Guascogna (eccetto
alcune rocche) avea tutto suggetto.

72
Or cominciando i trepidi ruscelli
a sciorre il freddo giaccio in tiepide onde,
e i prati di nuove erbe, e gli arbuscelli
a rivestirsi di tenera fronde;
ragunò il re Agramante tutti quelli
che seguian le fortune sue seconde,
per farsi rassegnar l’armata torma;
indi alle cose sue dar miglior forma.

73
A questo effetto il re di Tremisenne
con quel de la Norizia ne venìa,
per là giungere a tempo, ove si tenne
poi conto d’ogni squadra o buona o ria.
Orlando a caso ad incontrar si venne
(come io v’ho detto) in questa compagnia,
cercando pur colei, come egli era uso,
che nel carcer d’Amor lo tenea chiuso.

74
Come Alzirdo appressar vide quel conte
che di valor non avea pari al mondo,
in tal sembiante, in sì superba fronte,
che ‘l dio de l’arme a lui parea secondo;
restò stupito alle fattezze conte,
al fiero sguardo, al viso furibondo:
e lo stimò guerrier d’alta prodezza;
ma ebbe del provar troppa vaghezza.

75
Era giovane Alzirdo, ed arrogante
per molta forza, e per gran cor pregiato.
Per giostrar spinse il suo cavallo inante:
meglio per lui, se fosse in schiera stato;
che ne lo scontro il principe d’Anglante
lo fe’ cader per mezzo il cor passato.
Giva in fuga il destrier di timor pieno,
che su non v’era chi reggesse il freno.

76
Levasi un grido subito ed orrendo,
che d’ogn’intorno n’ha l’aria ripiena,
come si vede il giovene, cadendo,
spicciar il sangue di sì larga vena.
La turba verso il conte vien fremendo
disordinata, e tagli e punte mena;
ma quella è più, che con pennuti dardi
tempesta il fior dei cavallier gagliardi.

77
Con qual rumor la setolosa frotta
correr da monti suole o da campagne,
se ‘l lupo uscito di nascosa grotta,
o l’orso sceso alle minor montagne,
un tener porco preso abbia talotta,
che con grugnito e gran stridor si lagne;
con tal lo stuol barbarico era mosso
verso il conte, gridando: – Addosso, addosso! –

78
Lance, saette e spade ebbe l’usbergo
a un tempo mille, e lo scudo altretante:
chi gli percuote con la mazza il tergo,
chi minaccia da lato, e chi davante.
Ma quel, ch’al timor mai non diede albergo,
estima la vil turba e l’arme tante,
quel che dentro alla mandra, all’aer cupo,
il numer de l’agnelle estimi il lupo.

79
Nuda avea in man quella fulminea spada
che posti ha tanti Saracini a morte:
dunque chi vuol di quanta turba cada
tenere il conto, ha impresa dura e forte.
Rossa di sangue già correa la strada,
capace a pena a tante genti morte;
perché né targa né capel difende
la fatal Durindana, ove discende,

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web