Footer menù

Testo del canto 11 (XI) del poema Orlando Furioso

80
Olimpia Oberto si pigliò per moglie,
e di contessa la fe’ gran regina.
Ma ritorniamo al paladin che scioglie
nel mar le vele, e notte e dì camina;
poi nel medesmo porto le raccoglie,
donde pria le spiegò ne la marina:
e sul suo Brigliadoro armato salse,
e lasciò dietro i venti e l’onde salse.

81
Credo che ‘l resto di quel verno cose
facesse degne di tenerne conto;
ma fur sin a quel tempo sì nascose,
che non è colpa mia s’or non le conto;
perché Orlando a far l’opre virtuose,
più che a narrarle poi, sempre era pronto:
né mai fu alcun de li suoi fatti espresso,
se non quando ebbe i testimoni appresso.

82
Passò il resto del verno così cheto,
che di lui non si seppe cosa vera:
ma poi che ‘l sol ne l’animal discreto
che portò Friso, illuminò la sfera,
e Zefiro tornò soave e lieto
a rimenar la dolce primavera;
d’Orlando usciron le mirabil pruove
coi vaghi fiori e con l’erbette nuove.

83
Di piano in monte, e di campagna in lido,
pien di travaglio e di dolor ne gìa;
quando all’entrar d’un bosco, un lungo grido,
un alto duol l’orecchie gli ferìa.
Spinge il cavallo, e piglia il brando fido,
e donde viene il suon, ratto s’invia:
ma diferisco un’altra volta a dire
quel che seguì, se mi vorrete udire.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web