Footer menù

Testo del canto 11 (XI) del poema Orlando Furioso

70
Se fosse stata ne le valli Idee
vista dal Pastor frigio, io non so quanto
Vener, sebben vincea quell’altre dee,
portato avesse di bellezza il vanto:
né forso ito saria ne le Amiclee
contrade esso a violar l’ospizio santo;
ma detto avria: – Con Menelao ti resta,
Elena pur; ch’altra io non vo’ che questa. –

71
E se fosse costei stata a Crotone,
quando Zeusi l’imagine far volse,
che por dovea nel tempio di Iunone,
e tante belle nude insieme accolse;
e che, per una farne in perfezione,
da chi una parte e da chi un’altra tolse:
non avea da torre altra che costei;
che tutte le bellezze erano in lei.

72
Io non credo che mai Bireno, nudo
vedesse quel bel corpo; ch’io son certo
che stato non saria mai così crudo,
che l’avesse lasciata in quel deserto.
Ch’Oberto se n’accende, io vi concludo,
tanto che ‘l fuoco non può star coperto.
Si studia consolarla, e darle speme
ch’uscirà in bene il mal ch’ora la preme:

73
e le promette andar seco in Olanda;
né fin che ne lo stato la rimetta,
e ch’abbia fatto iusta e memoranda
di quel periuro e traditor vendetta,
non cesserà con ciò che possa Irlanda,
e lo farà quanto potrà più in fretta.
Cercare intanto in quelle case e in queste
facea di gonne e di feminee veste.

74
Bisogno non sarà, per trovar gonne,
ch’a cercar fuor de l’isola si mande;
ch’ogni dì se n’avea da quelle donne
che de l’avido mostro eran vivande.
Non fe’ molto cercar, che ritrovonne
di varie fogge Oberto copia grande;
e fe’ vestir Olimpia, e ben gl’increbbe
non la poter vestir come vorrebbe.

75
Ma né sì bella seta o sì fin’oro
mai Fiorentini industri tesser fenno;
né chi ricama fece mai lavoro,
postovi tempo, diligenza e senno,
che potesse a costui parer decoro,
se lo fêsse Minerva o il dio di Lenno,
e degno di coprir sì belle membre,
che forza è ad or ad or se ne rimembre.

76
Per più rispetti il paladino molto
si dimostrò di questo amor contento:
ch’oltre che ‘l re non lascerebbe asciolto
Bireno andar di tanto tradimento,
sarebbe anch’esso per tal mezzo tolto
di grave e di noioso impedimento,
quivi non per Olimpia, ma venuto
per dar, se v’era, alla sua donna aiuto.

77
Ch’ella non v’era si chiarì di corto,
ma già non si chiarì se v’era stata;
perché ogn’uomo ne l’isola era morto,
né un sol rimaso di sì gran brigata.
Il dì seguente si partir del porto,
e tutti insieme andaro in una armata.
Con loro andò in Irlanda il paladino;
che fu per gire in Francia il suo camino.

78
A pena un giorno si fermò in Irlanda;
non valser preghi a far che più vi stesse:
Amor, che dietro alla sua donna il manda,
di fermarvisi più non gli concesse.
Quindi si parte; e prima raccomanda
Olimpia al re, che servi le promesse:
ben che non bisognasse; che gli attenne
molto più, che di far non si convenne.

79
Così fra pochi dì gente raccolse;
e fatto lega col re d’Inghilterra
e con l’altro di Scozia, gli ritolse
Olanda, e in Frisa non gli lasciò terra;
ed a ribellione anco gli volse
la sua Selandia: e non finì la guerra,
che gli diè morte; né però fu tale
la pena, ch’al delitto andasse eguale.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web