Footer menù

Testo del canto 11 (XI) del poema Orlando Furioso

60
E che nuotando un cavallier era ito
a porgli in gola un’ancora assai grave;
e che l’avea così tirato al lito,
come si suol tirar contr’acqua nave.
Oberto, per veder se riferito
colui da chi l’ha inteso, il vero gli have,
se ne vien quivi; e la sua gente intanto
arde e distrugge Ebuda in ogni canto.

61
Il re d’Ibernia, ancor che fosse Orlando,
di sangue tinto, e d’acqua molle e brutto,
brutto del sangue che si trasse quando
uscì de l’orca in ch’era entrato tutto,
pel conte l’andò pur raffigurando;
tanto più che ne l’animo avea indutto,
tosto che del valor sentì la nuova,
ch’altri ch’Orlando non faria tal pruova.

62
Lo conoscea, perch’era stato infante
d’onore in Francia, e se n’era partito
per pigliar la corona, l’anno inante,
del padre suo ch’era di vita uscito.
Tante volte veduto, e tante e tante
gli avea parlato, ch’era in infinito.
Lo corse ad abbracciare e a fargli festa,
trattasi la celata ch’avea in testa.

63
Non meno Orlando di veder contento
si mostrò il re, che ‘l re di veder lui.
Poi che furo a iterar l’abbracciamento
una o due volte tornati amendui,
narrò ad Oberto Orlando il tradimento
che fu fatto alla giovane, e da cui
fatto le fu; dal perfido Bireno,
che via d’ogn’altro lo dovea far meno.

64
Le prove gli narrò, che tante volte
ella d’amarlo dimostrato avea:
come i parenti e le sustanze tolte
le furo, e al fin per lui morir volea;
e ch’esso testimonio era di molte,
e renderne buon conto ne potea.
Mentre parlava, i begli occhi sereni
de la donna di lagrime eran pieni.

65
Era il bel viso suo, quale esser suole
da primavera alcuna volta il cielo,
quando la pioggia cade, e a un tempo il sole
si sgombra intorno il nubiloso velo.
E come il rosignuol dolci carole
mena nei rami alor del verde stelo,
così alle belle lagrime le piume
si bagna Amore, e gode al chiaro lume.

66
E ne la face de’ begli occhi accende
l’aurato strale, e nel ruscello amorza,
che tra vermigli e bianchi fiori scende:
e temprato che l’ha, tira di forza
contra il garzon, che né scudo difende,
né maglia doppia, né ferrigna scorza;
che mentre sta a mirar gli occhi e le chiome,
si sente il cor ferito, e non sa come.

67
Le bellezze d’Olimpia eran di quelle
che son più rare: e non la fronte sola,
gli occhi e le guance e le chiome avea belle,
la bocca, il naso, gli omeri e la gola;
ma discendendo giù da le mammelle,
le parti che solea coprir la stola,
fur di tanta eccellenza, ch’anteporse
a quante n’avea il mondo potean forse.

68
Vinceano di candor le nievi intatte,
ed eran più ch’avorio a toccar molli:
le poppe ritondette parean latte
che fuor dei giunchi allora allora tolli.
Spazio fra lor tal discendea, qual fatte
esser veggiàn fra picciolini colli
l’ombrose valli, in sua stagione amene,
che ‘l verno abbia di nieve allora piene.

69
I rilevati fianchi e le belle anche,
e netto più che specchio il ventre piano,
pareano fatti, e quelle coscie bianche,
da Fidia a torno, o da più dotta mano.
Di quelle parti debbovi dir anche,
che pur celare ella bramava invano?
Dirò insomma, ch’in lei dal capo al piede,
quant’esser può beltà, tutta si vede.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web