Footer menù

Testo del canto 11 (XI) del poema Orlando Furioso

50
E ben si fece far subito piazza
che lor si volse, e Durindana prese.
S’avea creduto quella gente pazza
che le dovesse far poche contese,
quando né indosso gli vedea corazza,
né scudo in braccio, né alcun altro arnese;
ma non sapea che dal capo alle piante
dura la pelle avea più che diamante.

51
Quel che d’Orlando agli altri far non lece,
di far degli altri a lui già non è tolto.
Trenta n’uccise, e furo in tutto diece
botte, o se più, non le passò di molto.
Tosto intorno sgombrar l’arena fece;
e per slegar la donna era già volto,
quando nuovo tumulto e nuovo grido
fe’ risuonar da un’altra parte il lido.

52
Mentre avea il paladin da questa banda
così tenuto i barbari impediti,
eran senza contrasto quei d’Irlanda
da più parte ne l’isola saliti;
e spenta ogni pietà, strage nefanda
di quel popul facean per tutti i liti:
fosse iustizia, o fosse crudeltade,
né sesso riguardavano né etade.

53
Nessun ripar fan gl’isolani, o poco;
parte, ch’accolti son troppo improviso,
parte, che poca gente ha il picciol loco,
e quella poca è di nessun aviso.
L’aver fu messo a sacco; messo fuoco
fu ne le case: il populo fu ucciso:
le mura fur tutte adeguate al suolo:
non fu lasciato vivo un capo solo.

54
Orlando, come gli appertenga nulla
l’alto rumor, le strida e la ruina,
viene a colei che su la pietra brulla
avea da divorar l’orca marina.
Guarda, e gli par conoscer la fanciulla;
e più gli pare, e più che s’avicina:
gli pare Olimpia: ed era Olimpia certo,
che di sua fede ebbe sì iniquo merto.

55
Misera Olimpia! a cui dopo lo scorno
che gli fe’ Amore, anco Fortuna cruda
mandò i corsari (e fu il medesmo giorno),
che la portaro all’isola d’Ebuda.
Riconosce ella Orlando nel ritorno
che fa allo scoglio: ma perch’ella è nuda,
tien basso il capo; e non che non gli parli,
ma gli occhi non ardisce al viso alzarli.

56
Orlando domandò ch’iniqua sorte
l’avesse fatta all’isola venire
di là dove lasciata col consorte
lieta l’avea, quanto si può più dire.
– Non so (disse ella) s’io v’ho, che la morte
voi mi schivaste, grazie a riferire,
o da dolermi che per voi non sia
oggi finita la miseria mia.

57
Io v’ho da ringraziar ch’una maniera
di morir mi schivaste troppo enorme;
che troppo saria enorme, se la fera
nel brutto ventre avesse avuto a porme.
Ma già non vi ringrazio ch’io non pera;
che morte sol può di miseria torme:
ben vi ringrazierò, se da voi darmi
quella vedrò, che d’ogni duol può trarmi. –

58
Poi con gran pianto seguitò, dicendo
come lo sposo suo l’avea tradita;
che la lasciò su l’isola dormendo,
donde ella poi fu dai corsar rapita.
E mentre ella parlava, rivolgendo
s’andava in quella guisa che scolpita
o dipinta è Diana ne la fonte,
che getta l’acqua ad Ateone in fronte;

59
che, quanto può, nasconde il petto e ‘l ventre,
più liberal dei fianchi e de le rene.
Brama Orlando ch’in porto il suo legno entre;
che lei, che sciolta avea da le catene,
vorria coprir d’alcuna veste. Or mentre
ch’a questo è intento, Oberto sopraviene,
Oberto il re d’Ibernia, ch’avea inteso
che ‘l marin mostro era sul lito steso;

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web