Footer menù

Testo del canto 10 (X) del poema Orlando Furioso

1
Fra quanti amor, fra quante fede al mondo
mai si trovar, fra quanti cor constanti,
fra quante, o per dolente o per iocondo
stato, fer prove mai famosi amanti;
più tosto il primo loco ch’il secondo
darò ad Olimpia: e se pur non va inanti,
ben voglio dir che fra gli antiqui e nuovi
maggior de l’amor suo non si ritruovi;

2
e che con tante e con sì chiare note
di questo ha fatto il suo Bireno certo,
che donna più far certo uomo non puote,
quando anco il petto e ‘l cor mostrasse aperto.
E s’anime sì fide e sì devote
d’un reciproco amor denno aver merto,
dico ch’Olimpia è degna che non meno,
anzi più che sé ancor, l’ami Bireno:

3
e che non pur l’abandoni mai
per altra donna, se ben fosse quella
ch’Europa ed Asia messe in tanti guai,
o s’altra ha maggior titolo di bella;
ma più tosto che lei, lasci coi rai
del sol l’udita e il gusto e la favella
e la vita e la fama, e s’altra cosa
dire o pensar si può più preciosa.

4
Se Bireno amò lei come ella amato
Bireno avea, se fu sì a lei fedele
come ella a lui, se mai non ha voltato
ad altra via, che a seguir lei, le vele;
o pur s’a tanta servitù fu ingrato,
a tanta fede e a tanto amor crudele,
io vi vo’ dire, e far di maraviglia
stringer le labra ed inarcar le ciglia.

5
E poi che nota l’impietà vi fia,
che di tanta bontà fu a lei mercede,
donne, alcuna di voi mai più non sia,
ch’a parole d’amante abbia a dar fede.
L’amante, per aver quel che desia,
senza guardar che Dio tutto ode e vede,
aviluppa promesse e giuramenti,
che tutti spargon poi per l’aria i venti.

6
I giuramenti e le promesse vanno
dai venti in aria disipate e sparse,
tosto che tratta questi amanti s’hanno
l’avida sete che gli accese ed arse.
Siate a’ prieghi ed a’ pianti che vi fanno,
per questo esempio, a credere più scarse.
Bene è felice quel, donne mie care,
ch’essere accorto all’altrui spese impare.

7
Guardatevi da questi che sul fiore
de’ lor begli anni il viso han sì polito;
che presto nasce in loro e presto muore,
quasi un foco di paglia, ogni appetito.
Come segue la lepre il cacciatore
al freddo, al caldo, alla montagna, al lito,
né più l’estima poi che presa vede;
e sol dietro a chi fugge affretta il piede:

8
così fan questi gioveni, che tanto
che vi mostrate lor dure e proterve,
v’amano e riveriscono con quanto
studio de’ far chi fedelmente serve;
ma non sì tosto si potran dar vanto
de la vittoria, che, di donne, serve
vi dorrete esser fatte; e da voi tolto
vedrete il falso amore, e altrove volto.

9
Non vi vieto per questo (ch’avrei torto)
che vi lasciate amar; che senza amante
sareste come inculta vite in orto,
che non ha palo ove s’appoggi o piante.
Sol la prima lanugine vi esorto
tutta a fuggir, volubile e incostante,
e corre i frutti non acerbi e duri,
ma che non sien però troppo maturi.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!