Footer menù

Testo del canto 8 (VIII) del poema Orlando Furioso

70
Il sommo Creator gli occhi rivolse
al giusto lamentar del vecchio Carlo;
e con subita pioggia il fuoco tolse:
né forse uman saper potea smorzarlo.
Savio chiunque a Dio sempre si volse;
ch’altri non poté mai meglio aiutarlo.
Ben dal devoto re fu conosciuto,
che si salvò per lo divino aiuto.

71
La notte Orlando alle noiose piume
del veloce pensier fa parte assai.
Or quinci or quindi il volta, or lo rassume
tutto in un loco, e non l’afferma mai:
qual d’acqua chiara il tremolante lume,
dal sol percossa o da’ notturni rai,
per gli ampli tetti va con lungo salto
a destra ed a sinistra, e basso ed alto.

72
La donna sua, che gli ritorna a mente,
anzi che mai non era indi partita,
gli raccende nel core e fa più ardente
la fiamma che nel dì parea sopita.
Costei venuta seco era in Ponente
fin dal Cataio; e qui l’avea smarrita,
né ritrovato poi vestigio d’ella
che Carlo rotto fu presso a Bordella.

73
Di questo Orlando avea gran doglia, e seco
indarno a sua sciocchezza ripensava.
– Cor mio (dicea), come vilmente teco
mi son portato! ohimè, quanto mi grava
che potendoti aver notte e dì meco,
quando la tua bontà non mel negava,
t’abbia lasciato in man di Namo porre,
per non sapermi a tanta ingiuria opporre!

74
Non aveva ragione io di scusarme?
e Carlo non m’avria forse disdetto:
se pur disdetto, e chi potea sforzarme?
chi ti mi volea torre al mio dispetto?
non poteva io venir più tosto all’arme?
lasciar più tosto trarmi il cor del petto?
Ma né Carlo né tutta la sua gente
di tormiti per forza era possente.

75
Almen l’avesse posta in guardia buona
dentro a Parigi o in qualche rocca forte.
Che l’abbia data a Namo mi consona,
sol perché a perder l’abbia a questa sorte.
Chi la dovea guardar meglio persona
di me? ch’io dovea farlo fino a morte;
guardarla più che ‘l cor, che gli occhi miei:
e dovea e potea farlo, e pur nol fei.

76
Deh, dove senza me, dolce mia vita,
rimasa sei sì giovane e sì bella?
come, poi che la luce è dipartita,
riman tra’ boschi la smarrita agnella,
che dal pastor sperando esser udita,
si va lagnando in questa parte e in quella;
tanto che ‘l lupo l’ode da lontano,
e ‘l misero pastor ne piagne invano.

77
Dove, speranza mia, dove ora sei?
vai tu soletta forse ancor errando?
o pur t’hanno trovata i lupi rei
senza la guardia del tuo fido Orlando?
e il fior ch’in ciel potea pormi fra i dei,
il fior ch’intatto io mi venìa serbando
per non turbarti, ohimè! l’animo casto,
ohimè! per forza avranno colto e guasto.

78
Oh infelice! oh misero! che voglio
se non morir, se ‘l mio bel fior colto hanno?
O sommo Dio, fammi sentir cordoglio
prima d’ogn’altro, che di questo danno.
Se questo è ver, con le mie man mi toglio
la vita, e l’alma disperata danno. –
Così, piangendo forte e sospirando,
seco dicea l’addolorato Orlando.

79
Già in ogni parte gli animanti lassi
davan riposo ai travagliati spirti,
chi su le piume, e chi sui duri sassi,
e chi su l’erbe, e chi su faggi o mirti:
tu le palpebre, Orlando, a pena abbassi,
punto da’ tuoi pensieri acuti ed irti;
né quel sì breve e fuggitivo sonno
godere in pace anco lasciar ti ponno.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web