Footer menù

Testo del canto 8 (VIII) del poema Orlando Furioso

40
Dicea: – Fortuna, che più a far ti resta
acciò di me ti sazi e ti disfami?
che dar ti posso omai più, se non questa
misera vita? ma tu non la brami;
ch’ora a trarla del mar sei stata presta,
quando potea finir suoi giorni grami:
perché ti parve di voler più ancora
vedermi tormentar prima ch’io muora.

41
Ma che mi possi nuocere non veggio,
più di quel che sin qui nociuto m’hai.
Per te cacciata son del real seggio,
dove più ritornar non spero mai:
ho perduto l’onor, ch’è stato peggio;
che, se ben con effetto io non peccai,
io do però materia ch’ognun dica,
ch’essendo vagabonda, io sia impudica.

42
Ch’aver può donna al mondo più di buono,
a cui la castità levata sia?
Mi nuoce, ahimè! ch’io son giovane, e sono
tenuta bella, o sia vero o bugia.
Già non ringrazio il ciel di questo dono;
che di qui nasce ogni ruina mia:
morto per questo fu Argalia mio frate,
che poco gli giovar l’arme incantate:

43
per questo il re di Tartaria Agricane
disfece il genitor mio Galafrone,
ch’in India, del Cataio era gran Cane;
onde io son giunta a tal condizione,
che muto albergo da sera a dimane.
Se l’aver, se l’onor, se le persone
m’hai tolto, e fatto il mal che far mi puoi,
a che più doglia anco serbar mi vuoi?

44
Se l’affogarmi in mar morte non era
a tuo senno crudel, pur ch’io ti sazi,
non recuso che mandi alcuna fera
che mi divori, e non mi tenga in strazi.
D’ogni martir che sia, pur ch’io ne pera,
esser non può ch’assai non ti ringrazi. –
Così dicea la donna con gran pianto,
quando le apparve l’eremita accanto.

45
Avea mirato da l’estrema cima
d’un rilevato sasso l’eremita
Angelica, che giunta alla parte ima
è dello scoglio, afflitta e sbigottita.
Era sei giorni egli venuto prima;
ch’un demonio il portò per via non trita:
e venne a lei fingendo divozione
quanta avesse mai Paulo o Ilarione.

46
Come la donna il cominciò a vedere,
prese, non conoscendolo, conforto;
e cessò a poco a poco il suo temere,
ben che ella avesse ancora il viso smorto.
Come fu presso, disse: – Miserere,
padre, di me, ch’i’ son giunta a mal porto. –
E con voce interrotta dal singulto
gli disse quel ch’a lui non era occulto.

47
Comincia l’eremita a confortarla
con alquante ragion belle e divote;
e pon l’audaci man, mentre che parla,
or per lo seno, or per l’umide gote:
poi più sicuro va per abbracciarla;
ed ella sdegnosetta lo percuote
con una man nel petto, e lo rispinge,
e d’onesto rossor tutta si tinge.

48
Egli, ch’allato avea una tasca, aprilla,
e trassene una ampolla di liquore;
e negli occhi possenti, onde sfavilla
la più cocente face ch’abbia Amore,
spruzzò di quel leggiermente una stilla,
che di farla dormire ebbe valore.
Già resupina ne l’arena giace
a tutte voglie del vecchio rapace.

49
Egli l’abbraccia ed a piacer la tocca
ed ella dorme e non può fare ischermo.
Or le bacia il bel petto, ora la bocca;
non è chi ‘l veggia in quel loco aspro ed ermo.
Ma ne l’incontro il suo destrier trabocca;
ch’al disio non risponde il corpo infermo:
era mal atto, perché avea troppi anni;
e potrà peggio, quanto più l’affanni.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web