Footer menù

Testo del canto 8 (VIII) del poema Orlando Furioso

10
Sa ch’ogni poco più ch’ivi rimane,
Alcina avrà col populo alle spalle:
di trombe, di tamburi e di campane
già s’ode alto rumore in ogni valle.
Contra un servo senza arme e contra un cane
gli par ch’a usar la spada troppo falle:
meglio e più breve è dunque che gli scopra
lo scudo che d’Atlante era stato opra.

11
Levò il drappo vermiglio in che coperto
già molti giorni lo scudo si tenne.
Fece l’effetto mille volte esperto
il lume, ove a ferir negli occhi venne:
resta dai sensi il cacciator deserto,
cade il cane e il ronzin, cadon le penne,
ch’in aria sostener l’augel non ponno.
Lieto Ruggier li lascia in preda al sonno.

12
Alcina, ch’avea intanto avuto aviso
di Ruggier, che sforzato avea la porta,
e de la guardia buon numero ucciso,
fu, vinta dal dolor, per restar morta.
Squarciossi i panni e si percosse il viso,
e sciocca nominossi e malaccorta;
e fece dar all’arme immantinente,
e intorno a sé raccor tutta sua gente.

13
E poi ne fa due parti, e manda l’una
per quella strada ove Ruggier camina;
al porto l’altra subito raguna,
imbarca, ed uscir fa ne la marina:
sotto le vele aperte il mar s’imbruna.
Con questi va la disperata Alcina,
che ‘l desiderio di Ruggier sì rode,
che lascia sua città senza custode.

14
Non lascia alcuno a guardia del palagio:
il che a Melissa che stava alla posta
per liberar di quel regno malvagio
la gente ch’in miseria v’era posta,
diede commodità, diede grande agio
di gir cercando ogni cosa a sua posta,
imagini abbruciar, suggelli torre,
e nodi e rombi e turbini disciorre.

15
Indi pei campi accelerando i passi,
gli antiqui amanti, ch’erano in gran torma
conversi in fonti, in fere, in legni, in sassi,
fe’ ritornar ne la lor prima forma.
E quei, poi ch’allargati furo i passi,
tutti del buon Ruggier seguiron l’orma:
a Logistilla si salvaro; ed indi
tornaro a Sciti, a Persi, a Greci, ad Indi.

16
Li rimandò Melissa in lor paesi,
con obligo di mai non esser sciolto.
Fu inanzi agli altri il duca degl’Inglesi
ad esser ritornato in uman volto;
che ‘l parentado in questo e li cortesi
prieghi del buon Ruggier gli giovar molto:
oltre i prieghi, Ruggier le diè l’annello,
acciò meglio potesse aiutar quello.

17
A’ prieghi dunque di Ruggier, rifatto
fu ‘l paladin ne la sua prima faccia.
Nulla pare a Melissa d’aver fatto,
quando ricovrar l’arme non gli faccia,
e quella lancia d’or, ch’al primo tratto
quanti ne tocca de la sella caccia:
de l’Argalia, poi fu d’Astolfo lancia,
e molto onor fe’ all’uno e a l’altro in Francia.

18
Trovò Melissa questa lancia d’oro,
ch’Alcina avea reposta nel palagio,
e tutte l’arme che del duca foro,
e gli fur tolte ne l’ostel malvagio.
Montò il destrier del negromante moro,
e fe’ montar Astolfo in groppa ad agio;
e quindi a Logistilla si condusse
d’un’ora prima che Ruggier vi fusse.

19
Tra duri sassi e folte spine gìa
Ruggiero intanto invêr la fata saggia,
di balzo in balzo, e d’una in altra via
aspra, solinga, inospita e selvaggia;
tanto ch’a gran fatica riuscia
su la fervida nona in una spiaggia
tra ‘l mare e ‘l monte, al mezzodì scoperta,
arsiccia, nuda, sterile e deserta.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web