Footer menù

Testo del canto 6 (VI) del poema Orlando Furioso

60
Come fu presso alle sì ricche mura,
che ‘l mondo altre non ha de la lor sorte,
lasciò la strada che per la pianura
ampla e diritta andava alle gran porte;
ed a man destra, a quella più sicura,
ch’al monte già, piegossi il guerrier forte:
ma tosto ritrovò l’iniqua frotta,
dal cui furor gli fu turbata e rotta.

61
Non fu veduta mai più strana torma,
più monstruosi volti e peggio fatti:
alcun’ dal collo in giù d’uomini han forma,
col viso altri di simie, altri di gatti;
stampano alcun con piè caprigni l’orma;
alcuni son centauri agili ed atti;
son gioveni impudenti e vecchi stolti,
chi nudi e chi di strane pelli involti.

62
Chi senza freno in s’un destrier galoppa,
chi lento va con l’asino o col bue,
altri salisce ad un centauro in groppa,
struzzoli molti han sotto, aquile e grue;
ponsi altri a bocca il corno, altri la coppa;
chi femina è, chi maschio, e chi amendue;
chi porta uncino e chi scala di corda,
chi pal di ferro e chi una lima sorda.

63
Di questi il capitano si vedea
aver gonfiato il ventre, e ‘l viso grasso;
il qual su una testuggine sedea,
che con gran tardità mutava il passo.
Avea di qua e di là chi lo reggea,
perché egli era ebro, e tenea il ciglio basso:
altri la fronte gli asciugava e il mento,
altri i panni scuotea per fargli vento.

64
Un ch’avea umana forma i piedi e ‘l ventre,
e collo avea di cane, orecchie e testa,
contra Ruggiero abaia, acciò ch’egli entre
ne la bella città ch’a dietro resta.
Rispose il cavallier: – Nol farò, mentre
avrà forza la man di regger questa! –
e gli mostra la spada, di cui volta
avea l’aguzza punta alla sua volta.

65
Quel mostro lui ferir vuol d’una lancia,
ma Ruggier presto se gli aventa addosso:
una stoccata gli trasse alla pancia,
e la fe’ un palmo riuscir pel dosso.
Lo scudo imbraccia, e qua e là si lancia,
ma l’inimico stuolo è troppo grosso:
l’un quinci il punge, e l’altro quindi afferra:
egli s’arrosta, e fa lor aspra guerra.

66
L’un sin a’ denti, e l’altro sin al petto
partendo va di quella iniqua razza;
ch’alla sua spada non s’oppone elmetto,
né scudo, né panziera, né corazza:
ma da tutte le parti è così astretto,
che bisogno saria, per trovar piazza
e tener da sé largo il popul reo,
d’aver più braccia e man che Briareo.

67
Se di scoprire avesse avuto aviso
lo scudo che già fu del negromante
(io dico quel ch’abbarbagliava il viso,
quel ch’all’arcione avea lasciato Atlante),
subito avria quel brutto stuol conquiso
e fattosel cader cieco davante;
e forse ben, che disprezzò quel modo,
perché virtude usar volse, e non frodo.

68
Sia quel che può, più tosto vuol morire,
che rendersi prigione a sì vil gente.
Eccoti intanto da la porta uscire
del muro, ch’io dicea d’oro lucente,
due giovani ch’ai gesti ed al vestire
non eran da stimar nate umilmente,
né da pastor nutrite con disagi,
ma fra delizie di real palagi.

69
L’una e l’altra sedea s’un liocorno,
candido più che candido armelino;
l’una e l’altra era bella, e di sì adorno
abito, e modo tanto pellegrino,
che a l’uom, guardando e contemplando intorno,
bisognerebbe aver occhio divino
per far di lor giudizio: e tal saria
Beltà, s’avesse corpo, e Leggiadria.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web