Footer menù

Testo del canto 6 (VI) del poema Orlando Furioso

Parafrasi completa del canto VI del poema Orlando Furioso

1
Miser chi mal oprando si confida
ch’ognor star debbia il maleficio occulto;
che quando ogn’altro taccia, intorno grida
l’aria e la terra istessa in ch’è sepulto:
e Dio fa spesso che ‘l peccato guida
il peccator, poi ch’alcun dì gli ha indulto,
che sé medesmo, senza altrui richiesta,
innavedutamente manifesta.

2
Avea creduto il miser Polinesso
totalmente il delitto suo coprire,
Dalinda consapevole d’appresso
levandosi, che sola il potea dire:
e aggiungendo il secondo al primo eccesso,
affrettò il mal che potea differire,
e potea differire e schivar forse;
ma se stesso spronando, a morir corse:

3
e perdé amici a un tempo e vita e stato,
e onor, che fu molto più grave danno.
Dissi di sopra, che fu assai pregato
il cavallier, ch’ancor chi sia non sanno.
Al fin si trasse l’elmo, e ‘l viso amato
scoperse, che più volte veduto hanno:
e dimostrò come era Ariodante,
per tutta Scozia lacrimato inante;

4
Ariodante, che Ginevra pianto
avea per morto, e ‘l fratel pianto avea,
il re, la corte, il popul tutto quanto:
di tal bontà, di tal valor splendea.
Adunque il peregrin mentir di quanto
dianzi di lui narrò, quivi apparea;
e fu pur ver che dal sasso marino
gittarsi in mar lo vide a capo chino.

5
Ma (come aviene a un disperato spesso,
che da lontan brama e disia la morte,
e l’odia poi che se la vede appresso,
tanto gli pare il passo acerbo e forte)
Ariodante, poi ch’in mar fu messo,
si pentì di morire: e come forte
e come destro e più d’ogn’altro ardito,
si messe a nuoto e ritornossi al lito;

6
e dispregiando e nominando folle
il desir ch’ebbe di lasciar la vita,
si messe a caminar bagnato e molle,
e capitò all’ostel d’un eremita.
Quivi secretamente indugiar volle
tanto, che la novella avesse udita,
se del caso Ginevra s’allegrasse,
o pur mesta e pietosa ne restasse.

7
Intese prima, che per gran dolore
ella era stata a rischio di morire
(la fama andò di questo in modo fuore,
che ne fu in tutta l’isola che dire):
contrario effetto a quel che per errore
credea aver visto con suo gran martire.
Intese poi, come Lurcanio avea
fatta Ginevra appresso il padre rea.

8
Contra il fratel d’ira minor non arse,
che per Ginevra già d’amor ardesse;
che troppo empio e crudele atto gli parse,
ancora che per lui fatto l’avesse.
Sentendo poi, che per lei non comparse
cavallier che difender la volesse
(che Lurcanio sì forte era e gagliardo,
ch’ognun d’andargli contra avea riguardo;

9
e chi n’avea notizia, il riputava
tanto discreto, e sì saggio ed accorto,
che se non fosse ver quel che narrava,
non si porrebbe a rischio d’esser morto;
per questo la più parte dubitava
di non pigliar questa difesa a torto);
Ariodante, dopo gran discorsi,
pensò all’accusa del fratello opporsi.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!