Footer menù

NIENTE di Luigi Pirandello | Testo

E il dottor Mangoni, placidissimo:
– Abbia pazienza. Il piú l’aveva fatto, quel poverino. Invece del pane, s’era comperato il carbone. Mi figuro che avrà sprangato l’uscio, no? otturato tutti i buchi; si sarà magari alloppiato prima; erano passate cinque ore; e lei va a disturbarlo sul piú bello!
– Lei scherza! – grida il signore.
– No no; dico sul serio.
– Oh perdio! – scatta quello. – Ma sono stato disturbato io, mi sembra! Sono venuti a chiamarmi…
– Capisco, già, a teatro.
– Dovevo lasciarlo morire? E allora, altri impicci, è vero? come se fossero pochi quelli che m’ha dati. Queste cose non si fanno in casa d’altri, scusi!
– Ah, sí, sí; per questa parte, sí, ha ragione, – riconosce con un sospiro il dottor Mangoni. – Se ne poteva andare a morire fuori dai piedi, lei dice. Ha ragione. Ma il letto tenta, sa! Tenta, tenta. Morire per terra come un cane… Lo lasci dire a uno che non ne ha!
– Che cosa?
– Letto.
– Lei?
Il dottor Mangoni tarda a rispondere. Poi, lentamente, col tono di chi ripete una cosa già tant’altre volte detta:
– Dormo dove posso. Mangio quando posso. Vesto come posso.
E subito aggiunge:
– Ma non creda oh, che ne sia afflitto. Tutt’altro. Sono un grand’uomo, io, sa? Ma dimissionario.
Il signore s’incuriosisce di quel bel tipo di medico in cui gli è avvenuto cosí per caso d’imbattersi; e ride, domandando:
– Dimissionario? Come sarebbe a dire dimissionario?
– Che capii a tempo, caro signore, che non metteva conto di nulla. E che anzi, quanto piú ci s’affanna a divenir grandi, e piú si diventa piccoli. Per forza. Ha moglie lei, scusi?
– Io? Sissignore.
– Mi pare che abbia sospirato dicendo sissignore.
– Ma no, non ho sospirato affatto.
¾ E allora, basta. Se non ha sospirato, non ne parliamo piú.
E il dottor Mangoni torna a rannicchiarsi nel fondo della vettura, dando a vedere cosí che non gli pare piú il caso di seguitare la conversazione. Il signore ci resta male.
– Ma come c’entra mia moglie, scusi?
Il vetturino a questo punto, si volta da cassetta e domanda:
– Insomma, dov’è? A momenti siamo a Campoverano!
– Uh, già! – esclama il signore. – Volta! volta! La casa è passata da un pezzo.
– Peccato tornare indietro, – dice il dottor Mangoni, ¾ quando s’è quasi arrivati alla mèta.
Il vetturino volta, bestemmiando.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web