Footer menù

Parafrasi COMPLETA canto 12 (XII) del poema Orlando Furioso

Parafrasi COMPLETA del Canto 12 (XII) del poema Orlando Furioso – Alla ricerca dell’amata Angelica, Orlando finisce vittima del nuovo incantesimo del mago Atlante: un castello nel quale tenere prigioniero Ruggiero insieme ad altri cavalieri, condotti in trappola da false visioni dell’oggetto dei loro desideri. Angelica libera non solo il paladino ma anche Ferraù e Sacripante; tra i tre inizia un duro scontro ed Angelica riprende la sua fuga.

Leggi il testo del canto 12 (XII) del poema Orlando Furioso

1
Cerere, dopo che tornando da Cibele, venerata sul monte Idea,
in fretta alla solitaria valle,
là dove, sotto la montagna Etna, è sepolto
il gigante Encelado morto fulminato da Giove,
non trovò la figlia Proserpina dove l’aveva
lasciata, lontana da ogni strada battuta, (fatto che
le arrecò alle guance, al petto, ai capelli
ed agli occhi un danno) alla fine sradicò due pini

2
e li accese con il fuoco di Vulcano, nel braciere dell’Etna,
diede loro la virtù di non poter essere mai spenti,
e portandone uno per mano,
su un carro trainato da due draghi,
esplorò i boschi ed i campi, il monte e le pianura,
le valli, i fiumi, gli stagni ed i torrenti,
la terra ed il mare. E dopo che il tutto il mondo
aveva esplorato in superficie, andò a cercare anche nel profondo inferno.

3
Se Orlando avesse avuto un potere simile a quello di
Cerere così come aveva lo stesso desiderio di ritrovare la persona amata,
allora non avrebbe, nel tentativo di cercare Angelica,
tralasciato il bosco o il campo, lo stagno od il fiume,
la valle o il monte, la pianura o la terra o il mare,
il cielo ed anche il profondo luogo dell’eterno oblio, l’inferno.
Ma poiché non possedeva il carro trainato da draghi,
vagava nella ricerca di Angelica come meglio poteva.

4
L’aveva cercata per tutta la Francia ed ora si appresta
a cercarla per l’Italia e la Germania,
per tutta la Spagna
per poi attraversare lo stretto di Gibilterra ed andare in Africa.
Mentre pensa alle nuove mete, sente all’orecchio
giungere una voce che sembra piangere:
si sporge e sopra un grande destriero
al galoppo vede d’innanzi a sé un cavaliere

5
che porta in braccio e sull’arcione anteriore
un tristissima donzella, obbligandola con la forza, senza il suo consenso.
La donna piange, si dibatte e sembra
soffrire. In suo soccorso chiama
il valoroso Orlando, il quale,
non appena guarda la bella ragazza,
crede di vedere colei, Angelica, che, per tutto il giorno e la notte,
aveva cercato in ogni luogo della Francia.

6
Non dico che fosse veramente lei, ma sembrava
effettivamente la gentile Angelica che Orlando tanto ama.
Egli, che la donna che adora
vede, triste e addolorata, essere portava via,
spinto dall’ira e dalla furia ardente,
con voce spaventosa chiama il cavaliere;
lo chiama e lo minaccia,
ed infine lancia all’inseguimento Brigliadoro a tutta velocità.

7
Non arresta la propria corsa il cavaliere, né risponde ad Orlando.
concentrato sulla sua prigioniera, al valore di lei,
si muove così velocemente tra i rami
che anche il vento sarebbe in ritardo nel suo inseguimento.
L’uno fugge e l’altro lo insegue; ed i fitti
boschi risuonano dell’acuto lamento della donna.
Al galoppo uscirono dal bosco e si trovarono in un vasto prato, dove,
nel mezzo, si ergeva un maestoso e ricco castello (del mago Atlante).

8
Con vari marmi, con un minuzioso lavoro,
era stato costruito il maestoso palazzo.
All’interno della porta costruita in oro corse
il cavaliere con in braccio la donzella.
Non molto dopo giunse anche Brigliadoro
con in sella il fiero e sprezzante Orlando.
Appena è dentro al palazzo, Orlando si guarda intorno
ma non vede più né il guerriero né la donzella.

9
Subito smonta da cavallo e come un fulmine entra
nelle stanze più interne del Castello:
corre di qua e di là senza lasciare
inesplorata né una camera né una loggia.
Dopo che i segreti di ogni stanza del primo piano
ha invano esplorato, sale le scale
e non perde meno tempo a cercare anche di sopra
di quanto ne aveva perso di sotto invano.

2 Responses to Parafrasi COMPLETA canto 12 (XII) del poema Orlando Furioso

  1. Carlo novembre 18, 2014 at 4:47 pm #

    Incomprensibili alcune parti,

    • OrlandoFurioso novembre 24, 2014 at 4:59 pm #

      Rivisto tutto il canto! 😉

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!