Footer menù

Parafrasi canto 41 (XLI) del poema Orlando Furioso

70
Baiardo colpì il cavallo meno forte
che era cavalcato da Orlando, l’urto fu così particolare
che lo fece piegare da entrambi i lati
ed infine cadere lungo e disteso.
Orlando cerca ripetutamente di farlo alzare,
per tre e quattro volte, usando sia la mano che gli speroni;
e quando alla fine rinuncia a farlo alzare, ne scende,
imbraccia il proprio scudo ed impugna la spada Balisarda.

71
Oliviero si scontrò invece con Agramante, il re d’Africa,
e nel duello si equivalsero perfettamente.
Brandimarte fece rimanere senza destriero
il re Sobrino: ma non fu possibile sapere esattamente
se la colpa fu del cavallo o del cavaliere;
visto che Sobrino non era proprio abituato a cadere;
Fosse stato suo o del cavallo l’errore, il risultato
fu che re Sobrino si trovò infine a piedi.

72
Ora, Brandimarte, visto a terra il re Sobrino,
non lo continuò ad attaccarlo, ma si mosse
invece contro il re Gradasso, che ugualmente
aveva prima buttato giù da cavallo Orlando.
La battaglia tra il marchese ed Agramante proseguì
come era cominciata all’inizio:
dopo che le lance si furono frantumate sugli scudi,
tornarono a scontrarsi a spada tratta.

73
Orlando, visto Gradasso tanto impegnato in un altro duello,
da non essere affatto interessato a tornare da lui;
ma nemmeno Brandimarte gli concede la possibilità
tanto gli sta addosso e tanto lo tiene impegnato;
si guarda intorno, e vede stare allo stesso modo
a piedi e senza avversario il re Sobrino.
Si lancia subito contro di lui; e nel suo avanzare
fa tremare il cielo con il suo imponente fisico.

74
Sobrino vedendo che gli veniva incontro un così forte
avversario, tutto raccolto nella sua corazza si prepara
all’urto: così come il marinaio a cui viene incontro,
rumoreggiando, un’alta onda minacciosa,
tiene alta la prora: e quando vede tanto in alto
salire il mare, desidera solo essere sulla terra ferma.
Re Sobrino oppone il proprio scudo alla distruzione
che può venire dalla spada costruita dalla fata Falerina.

75
La spada Balisarda è tanto efficace,
che nessuna armatura riesce ad opporre una difesa;
nelle mani poi di una una persona tanto forte,
nelle mani di Orlando, unico al mondo o comunque raro,
taglia lo scudo; e non c’è nulla che la possa fermare,
per quanto sia tutto rinforzato con l’acciaio:
taglia lo scudo e lo spacca fino al fondo,
e, sotto quello, scende poi fino alla spalla dell’avversario

76
Scende fino alla spalla; e sebbene la trova
protetta da una doppia piastra e da una doppia maglia,
non lascia però che questo le sia molto d’aiuto,
tanto che riesce ad infliggere una profonda ferita.
Sobrino mena il suo colpo; ma è inutile tentare
di ferire Orlando, al quale, per grazia divina,
data da Dio che muove il cielo e tutte le stelle,
non si può riuscire a forare la pelle.

77
Il valoroso conte mena un secondo colpo
con l’intenzione di staccargli la testa dalle spalle.
Ma Sobrino, che conosce bene il valore di Orlando,
e che sa a quanto poco serva opporgli uno scudo,
si butta indietro, ma non abbastanza, da evitare
che Balisarda arrivi a colpirgli la fronte.
Il colpo fu di piatto ma comunque tanto violento
che ammaccò l’elmo e gli rintronò il cervello.

78
Sobrino cadde a terra per quel duro colpo,
e non riuscì a rialzarsi da lì per molto tempo.
Il paladino Orlando crede di avere oramai concluso
lo scontro con lui, pensando che giace morto:
e si lancia quindi subito verso il re Gradasso,
così da evitare che Brandimarte possa avere la peggio:
perché il pagano è superiore al cristiano nell’uso delle armi,
e per il cavallo, e forse anche per la forza fisica.

79
L’audace Brandimarte in sella a Frontino,
quel valido destriero che prima apparteneva a Ruggiero,
si comporta così bene contro il Saracino,
che non sembra affatto che quello sia superiore:
e se avesse avuto una corazza valida come quella
del pagano, sarebbe riuscito meglio a fronteggiarlo;
ma gli conviene invece (sentendosi male armato) spostarsi
spesso dall’una e dall’altra parte per evitare i colpi.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web