Parafrasi del poema Orlando Furioso

ACCESSO RAPIDO AI CANTI

Canto 1Canto 2Canto 4Canto 6Canto 7Canto 9
Canto 12Canto 18Canto 19Canto 23Canto 24Canto 29
Canto 34Canto 39Canto 40Canto 41Canto 42 Canto 42
Canto 46

EPISODI

Proemio - Il proemio del poema Orlando Furioso è contenuto nelle prime quattro ottave del Canto 1, nelle quali Ariosto presenta i temi cardine (la guerra tra Cristiani e Pagani, le gesta di Orlando ed infine l’amore tra Ruggiero e Bradamante, capostipiti della famiglia d’Este) e dedica anche la sua opera letteraria al cardinale Ippolito d’Este.

La fuga di Angelica Parte 1 e Parte 2 - L’episodio della fuga di Angelica è narrato tra l’ottava 5 del Canto 1 (I), prima parte, e l’ottava 19 del Canto 2 (II), seconda parte. Per evitare liti tra i paladini Orlando e Rinaldo, Carlo Magno consegna la bella pagana al duca Namo di Baviera. La successiva battaglia tra cristiani e pagani viene però vinta da questi ultimi ed Angelica approfitta della confusione per scappare. Dopo diverse vicissitudini, la donna decide di proseguire il suo viaggio da sola per fare ritorno in patria.

Il castello d’acciaio di Atlante Canto 4 (IV)- Con l’anello rubato a Brunello, seguendo le indicazioni di Marfisa, Bradamante riesce a sconfiggere il mago Atlante e ad annullare il suo incantesimo, facendo scomparire il castello d’acciaio creato come prigione per il saraceno. Ruggiero viene però nuovamente rapito dall’Ippogrifo.
Rinaldo giunge intanto in Scozia e prende in carico la difesa di Ginevra.

L’arrivo all’isola di Alcina Canto 6 (VI)- Terminata l’avventura di Ariodante e Ginevra, Ariosto torna a raccontare nel canto 6 le vicende di Ruggiero ed in particolare il suo arrivo sull’isola della maga Alcina. Il cavaliere incontra Astolfo, trasformato in mirto dalla maga, e viene così a sapere gli inganni a cui potrebbe andare incontro. Nonostante gli avvertimenti, Ruggiero si lascia però comunque affascinare da due donne e fa il suo ingresso nel regno fatato.

La fuga dall’isola di Alcina Canto 7 (VII) – Il mago Atlante, sempre intenzionato a salvare la vita a Ruggiero allontanandolo da ogni conflitto, fa rapire il cavaliere pagano dal cavallo alato Ippogrifo e lo conduce sull’isola della maga Alcina. Il saraceno si innamora dell’anziana maga (lei si mostra sotto falso aspetto) e si dimentica quindi di ogni suo impegno. La maga Marfisa, rispondendo alla richiesta d’aiuto di Bradamante, si reca anch’essa sull’isola di Alcina e riesce quindi a convincere l’uomo a scappare.

La storia di Olimpia e Bireno Canto 9 (IX)- Durante il suo viaggio alla disperata ricerca dell’amata Angelica, Orlando giunge ad Anversa ed accetta di soccorrere Olimpia, figlia del conte d’Olanda, alla quale il re di Frisia Cimosco aveva impedito di sposare l’amato Bireno.

Il castello di Atlante Canto 12 (XII)- Orlando finisce vittima del nuovo incantesimo del mago Atlante: un castello nel quale tenere prigioniero Ruggiero insieme ad altri cavalieri, condotti in trappola da false visioni dell’oggetto dei loro desideri. Angelica libera non solo il paladino ma anche Ferraù e Sacripante; tra i tre inizia un duro scontro ed Angelica riprende la sua fuga.

La storia di Cloridano e Medoro Parte 1 e Parte 2 - L’episodio di Cloridano e Medoro inizia dall’ottava 146 del Canto 18 (XVIII), prima parte, e termina con l’ottava 16 del Canto 19 (XIX), seconda parte. I due saraceni lasciano nella notte l’accampamento pagano per dare sepoltura al loro padrone Dardinello. Vengono però sorpresi da un gruppo di cavalieri guidati da Zerbino; Cloridano rimane ucciso mentre Medoro viene ferito gravemente.

Le nozze di Angelica e Medoro - A partire dall’ottava 17 del Canto 19 (XIX), viene raccontato l’incontro tra Angelica e Medoro. La ragazza si innamora perdutamente del giovane pagano ferito, lo cura, lo sposa e decide infine di portarlo con sé nel suo regno in Oriente.

La pazzia di Orlando Parte 1 e Parte 2 - L’episodio ha inizio a partire dall’ottava 100 del Canto 23 (XXIII), prima parte, e termina con l’ottava 14 del Canto 24 (XXIV), seconda parte. Il paladino giunge sui luoghi dove Medoro ed Angelica hanno dato sfogo alla loro passione amorosa ed è travolto dalla follia: abbandona il cavallo Brigliadoro, la sua armatura, le sue armi e le sue vesti ed inizia a compiere strage di chiunque e qualunque cosa incontri sul suo tragitto. La follia di Orlando.

Le follie di Orlando - Nel Canto 29 (XXIX) vengono raccontate alcune delle folli gesta compiute da Orlando. Il furioso paladino incontra in Spagna anche Medoro ed Angelica ed è solo grazie all’anello incantato che la donna riesce a fuggirgli. La sua follia si sfogherà sulla cavalla di lei.

Astolfo sulla luna - L’episodio viene narrato nel Canto 34 (XXXIV). Il paladino Astolfo raggiunge il paradiso terrestre in sella al cavallo alato Ippogrifo e da qui viene accompagnato da San Giovanni sui monti della Luna, dove poter ritrovare il senno perso dal paladino Orlando.

Orlando rinsavisce - L’episodio viene narrato nel Canto 39 (XXXIX). Mentre si stanno ultimando i preparativi per l’imminente assalto a Biserta, giunge dal mare la nave con i prigionieri fatti da Rodomonte. Astolfo e Dudone liberano e festeggiano l’incontro con Brandimarte, Sanonetto e Oliviero. Durante i festeggiamenti giunge però un uomo completamente nudo e provoca disordine, è Orlando. I paladini riescono ad immobilizzarlo e Astolfo gli ridona il senno recuperato sulla Luna.

La caduta di Biserta - L’episodio viene narrato nel Canto 40 (XL). Nello scontro contro Dudone, la flotta di Agramante ha la peggio ed il re è costretto a scappare insieme a re Sobrino. I due raggiungono Lipari, dove incontrano re Gradasso, ed insieme decidono di sfidare Orlando ed altri due paladini per decidere le sorti della guerra. Nel frattempo i cristiani guidati da Orlando ed Astolfo espugnano e saccheggiano Biserta. Ricevuta la sfida, Orlando decide che a combattere con lui saranno Brandimarte ed Oliviero.

La battaglia finale di Lampedusa - L’episodio viene narrato nel Canto 41 (XLI). Orlando ritrova la nave abbandonata da Ruggiero nella tempesta e si spartisce con Oliviero e Brandimarte le armi di costui. I tre si recano quindi sull’isola di Lampedusa e, dopo che Brandimarte ha tentato invano di convincere Agramante a convertirsi, iniziano lo scontro finale con il re pagano, re Sobrino e re Gradasso. Dopo diversi avvenimenti, Brandimarte è sul punto di uccide re Agramante, quando, inaspettatamente, sopraggiunge Gradasso che uccide il cristiano.

La vittoria di Orlando – L’episodio viene narrato nel Canto 42 (XLII). Accortosi che l’amico Brandimarte è stato appena ucciso Orlando si accende d’ira e si scaraventa subito contro gli avversari: decapita prima re Agramante e poi trafigge a morte re Gradasso. Corre poi dall’amico morente per raccogliere le sue ultime parole.

I funerali di Brandimarte – L’episodio viene narrato nel Canto 43 (XLIII). I funerali solenni vengono svolti ad Agrigento e viene anche costruito un solenne mausoleo, nel quale Fiordiligi, disperata, decide di passare il resto della sua vita. Orlando e Rinaldo portano poi a fare curare Oliviero dallo stesso eremita che ha battezzato Ruggiero. Durante i festeggiamenti Ruggiero viene riconosciuto ed accolto calorosamente.

Il matrimonio di Ruggiero e Bradamante Canto 46 (XLVI)- Leone  rinuncia a Bradamante e convince Ruggiero ad abbandonare l’idea di lasciarsi morire. Tornano quindi insieme a Parigi per svelare l’identità misteriosa del cavaliere che ha vinto in duello la mano della donna. Re Carlo organizza in grande stile il matrimonio tra Ruggiero e Bradamante, ma durante la cerimonia arriva Rodomonte che accusa il cristiano di tradimento e lo sfida a duello. Dopo un duro combattimento Ruggiero uccide il pagano.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


5 + = seven

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>