Footer menù

Ruggiero e Angelica, isola del pianto| Maurizio Rosenzweig

Ruggiero salva Angelica

Illustrazione di: Maurizio Rosenzweig
mauriziorosenzweig.tumblr.com
instagram.com/mauriziorosenzweig

Capitolo 10 (X) del poema Orlando Furioso
Leggi anche: RIASSUNTO del capitolo 10 (X)


(Ruggiero) nel passar vide, mirando a basso,
Angelica legata al nudo sasso.

93
Al nudo sasso, all’Isola del pianto;
che l’Isola del pianto era nomata
quella che da crudele e fiera tanto
ed inumana gente era abitata,
che (come io vi dicea sopra nel canto)
per vari liti sparsa iva in armata
tutte le belle donne depredando,
per farne a un mostro poi cibo nefando.

94
Vi fu legata pur quella matina,
dove venìa per trangugiarla viva
quel smisurato mostro, orca marina,
che di aborrevole esca si nutriva.
Dissi di sopra, come fu rapina
di quei che la trovaro in su la riva
dormire al vecchio incantatore a canto,
ch’ivi l’avea tirata per incanto.

95
La fiera gente inospitale e cruda
alla bestia crudel nel lito espose
la bellissima donna, così ignuda
come Natura prima la compose.
Un velo non ha pure, in che richiuda
i bianchi gigli e le vermiglie rose,
da non cader per luglio o per dicembre,
di che son sparse le polite membre.

96
Creduto avria che fosse statua finta
o d’alabastro o d’altri marmi illustri
Ruggiero, e su lo scoglio così avinta
per artificio di scultori industri;
se non vedea la lacrima distinta
tra fresche rose e candidi ligustri
far rugiadose le crudette pome,
e l’aura sventolar l’aurate chiome.

97
E come ne’ begli occhi gli occhi affisse,
de la sua Bradamante gli sovvenne.
Pietade e amore a un tempo lo trafisse,
e di piangere a pena si ritenne;
e dolcemente alla donzella disse,
poi che del suo destrier frenò le penne:
– O donna, degna sol de la catena
con chi i suoi servi Amor legati mena,

98
e ben di questo e d’ogni male indegna,
chi è quel crudel che con voler perverso
d’importuno livor stringendo segna
di queste belle man l’avorio terso? –
Forza è ch’a quel parlare ella divegna
quale è di grana un bianco avorio asperso,
di sé vedendo quelle parti ignude,
ch’ancor che belle sian, vergogna chiude.

99
E coperto con man s’avrebbe il volto,
se non eran legate al duro sasso;
ma del pianto, ch’almen non l’era tolto,
lo sparse, e si sforzò di tener basso.
E dopo alcun’ signozzi il parlar sciolto,
incominciò con fioco suono e lasso:
ma non seguì; che dentro il fe’ restare
il gran rumor che si sentì nel mare.

100
Ecco apparir lo smisurato mostro
mezzo ascoso ne l’onda e mezzo sorto.
Come sospinto suol da borea o d’ostro
venir lungo navilio a pigliar porto,
così ne viene al cibo che l’è mostro
la bestia orrenda; e l’intervallo è corto.
La donna è mezza morta di paura;
né per conforto altrui si rassicura.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!