Footer menù

Introduzione al romanzo I Promessi Sposi

L’ironia. Sul piano stilistico, una delle caratteristiche principali della prosa manzoniana è l’ironia. Già l’espediente romanzesco del ritrovamento del manoscritto è di per sé ironico, cita una lunga tradizione romanzesca e consente un gioco prospettico che dà vita a punti di vista diversi; dà infine occasione al narratore di pronunciare una serie di commenti ironici sull’autore seicentesco e sul suo stile “sgangherato”. Il commento della voce narrante è un tratto distintivo dei Promessi sposi e attraversa tutta la narrazione: smaschera talvolta le intenzioni dei personaggi con sarcasmo o con ironia bonaria, fa sì che il narratore prenda le distanze dai fatti narrati e addirittura sia autoironico, mettendo persino in dubbio l’utilità della lettura del romanzo. Insomma, l’ironia si manifesta a più livelli del testo, dà voce a più punti di vista e perciò è tesa a favorire una partecipazione attiva del lettore.

La lingua. La straordinaria importanza dei Promessi sposi nella letteratura italiana non si esaurisce con la fondazione di un nuovo genere in Italia e per le scelte rivoluzionarie sul piano narrativo. Il grande romanzo manzoniano stabilisce un nuovo modello di lingua letteraria, con il quale dovrà fare i conti non solo l’intera narrativa a venire, ma l’intero italiano scritto. Manzoni aveva colto uno dei grandi problemi della lingua italiana: un divario molto ampio tra la lingua scritta e quella parlata; proprio in virtù di questa consapevolezza tentò di diminuire la distanza tra i due codici e comprese che per ottenere un risultato soddisfacente era necessario scostarsi da un italiano libresco, ampolloso e retorico, per preferire una lingua viva, accessibile a chi legge. La lingua viva fu trovata nel fiorentino parlato dai colti, in seguito al viaggio a Firenze avvenuto nel 1827. L’edizione del 1840-42 restituì sulla pagina la stessa agilità del parlato, abbandonando la lingua composita delle stesure precedenti, dove il toscano letterario si mescolava al lombardo, a forme del parlato, a francesismi… Si apriva così una nuova fase della letteratura italiana.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web