Footer menù

Introduzione alle OPERETTE MORALI di Giacomo Leopardi

Genesi e composizione. Già nel luglio del 1821 Giacomo Leopardi annotava sullo Zibaldone il suo personale impegno «a scuotere la mia povera patria». Gli strumenti adeguati a tale proposito sono la «immaginazione nella lirica […]; le armi della ragione, della logica, della filosofia […]; e le armi del ridicolo ne’ dialoghi e novelle lucianee ch’io vo preparando». Nel 1824 comincia la stesura dei primi «dialoghi e novelle lucianee», che vengono pubblicati nel 1827 con il titolo di Operette morali. Solo nel 1845 tuttavia, dopo varie vicissitudini (tra cui la censura del governo borbonico che ne blocca l’uscita nel 1835) e l’aggiunta di ulteriori testi, vengono raccolti tutti i 24 testi che le compongono, grazie all’edizione delle opere curata da Ranieri.

Titolo e il modello di Luciano. Sin dal titolo risultano chiare le intenzioni dell’opera. L’aggettivo “morale” introduce l’argomento filosofico, ambito all’interno del quale il libro si inserisce: la filosofia morale tratta dei comportamenti, la vita pratica, la “morale” degli uomini. Il sostantivo “operette” allude a un genere letterario di tipo scherzoso e satirico e segnala la misura breve dei testi, che non ambiscono alla seriosità della trattatistica filosofica. Nel proposito di Leopardi, questi dialoghi e novelle sono infatti caricati con «le armi del ridicolo», per cui la critica dei costumi e dei comportamenti umani viene conseguita tramite una «leggerezza apparente», come annota lo stesso Leopardi. Il modello del poeta recanatese è rappresentato dai dialoghi dello scrittore greco Luciano di Samosata (II secolo d.C.), autore di testi corrosivi e satirici che prendevano di mira la società del tempo, i difetti degli uomini e degli dèi. A lui si ispira sia la varietà dei generi esplorati da Leopardi, sia lo stile, sia l’inconsueta invenzione fantastica. Leopardi attinge inoltre ai romanzi filosofici in auge nell’Illuminismo francese, in particolare gli scritti di Voltaire, brevi narrazioni di carattere morale con assunti filosofici.

Le forme letterarie. Le Operette sono costituite principalmente da dialoghi, come sottolineano i titoli stessi, altre volte da apologhi e frammenti (La scommessa di Prometeo), narrazioni (Storia del genere umano), prose liriche (Il cantico del gallo silvestre); a volte le prose sono introdotte da vere e proprie liriche (Dialogo di Federico Ruysch e le sue mummie)…; lo stile è percorso da una pungente ironia e i personaggi sono spesso immaginari e inverosimili (il gallo silvestre, la Natura, la Terra, la Luna, il mago Malambruno, il diavolo Farfarello, la Moda e la Morte…), tratti dal mondo mitologico (Ercole e Atlante, Prometeo), quello favolistico (gnomi e folletti), dalla storia (Torquato Tasso, Cristoforo Colombo, Plotino, Porfirio)…

I temi, gli argomenti e la filosofia. La composizione delle Operette morali coincide con la fase della vita e del pensiero di Leopardi segnata dalla caduta di ogni illusione e dalla consapevolezza dell’infelicità come tratto distintivo dell’esistenza umana. Non è un caso che Leopardi abbia abbandonato temporaneamente la poesia e si sia dedicato alla riflessione sull’arido vero, in virtù di quella “conversione filosofica” maturata qualche anno prima. Muta infatti il rapporto con la natura, che diventa “matrigna” gelida e indifferente, causa dell’immutabile infelicità dell’uomo: sono le conclusioni del Dialogo della Natura e di un islandese, compendio del pensiero leopardiano in questa nuova fase, e ironico quanto agghiacciante dialogo sul fallimento di ogni filosofia e sulle verità negative dell’esistenza.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!