Footer menù

Riassunto capitolo 33 del romanzo I Promessi Sposi

Una notte, verso la fine d’agosto, Don Rodrigo inizia ad avvertire uno strano malessere mentre sta tornando a casa da una festa, durante la quale ha suscitato l’ilarità dei presenti con un elogio funebre del conte Attilio, morto due giorni prima. Arrivato a casa, viene accompagnato subito nella camera da letto dal Griso, uno dei pochi servitori rimasti ancora vivi, e dopo un lungo rigirarsi nel letto riesce finalmente ad addormentarsi. Il sogno è per lui terribile: Don Rodrigo si trova in una chiesa in mezzo ad una fitta folla di appestati che si accalcano intorno a lui urtandolo in particolare al fianco sinistro, tra il cuore e l’ascella, dove l’uomo sente una violenta fitta; al pulpito della chiesa compare infine padre Cristoforo e punta il dito verso il tiranno, come aveva fatto in precedenza. Don Rodrigo si sveglia urlando, si guarda il fianco sinistro e scopre di avere un bubbone: è malato di peste. Terrorizzato non solo dalla morte ma anche dall’idea di essere condotto dai monatti al Lazzaretto, l’uomo chiama il Griso (che con un colpo d’occhio si accerta del presentimento avuto la sera prima) e gli ordina di andare a chiedere soccorso ad un chirurgo noto per tenere nascosti gli ammalati. Il bravo si prende carico della missione ma tradisce però il padrone, liberando la casa dagli altri servitori con falsi incarichi e andando a chiamare lui stesso i monatti, per dividere con loro il tesoro di Don Rodrigo. Mentre il tiranno viene portato al Lazzaretto, il Griso fruga tra gli averi del padrone e spinto dalla cupidigia non esita anche a toccarne i vestiti infetti: morirà il giorno dopo.

Tornando a parlare di Renzo, iniziata la guerra tra la repubblica Veneta e la Spagna, e cessato quindi ogni timore di ricerche, il giovane era tornato nel paese di Bortolo. Più volte era stato sul punto di arruolarsi nell’esercito, ma grazie alle parole del cugino aveva poi sempre abbandonato l’idea. Giunta la peste anche nel bergamasco, Renzo si era anche lui ammalato ma era infine riuscito a guarire.
Ritornato ora in salute, il giovane decide di tornare al suo paese per accertarsi della condizione di Agnese, e di raggiungere poi Milano, dove sa che si trova Lucia, per convincere la ragazza ad abbandonare il voto. Il ritorno a casa riempie di tristezza Renzo. Per strada incontra Tonio e lo scambia inizialmente per il fratello Gervasio, tanto è istupidito dalla peste. Incontra poi anche Don Abbondio, anche lui guarito dalla peste, che lo informa del fatto che Agnese si trova a Pasturo in Valsassina da suoi parenti, che Lucia si trova ancora a Milano, che anche Don Rodrigo si trova a Milano, che Perpetua è morta e che padre Cristoforo non ha fatto ancora ritorno. Sapute le intenzioni del giovane, il religioso tenta inutilmente di convincerlo a fare ritorno nel territorio di Bergamo, per evitare che vada a cacciarsi nei guai e soprattutto, con il solito egoismo, per evitare che ne crei a lui stesso. Renzo fa poi visita alla sua vigna ed alla sua abitazione e trova solo degrado e distruzione. Si reca infine alla casa di un suo vecchio amico, da quale riceve ospitalità. Durante la cena, mentre i due si scambiano informazioni, il giovane viene a conoscenza del casato di Don Ferrante e viene anche a sapere che il podestà e buona parte degli sbirri sono morti: si convince così di andare direttamente a Milano, senza nessun timore della giustizia.
Il giorno dopo Renzo riprende il suo viaggio. Prima di arrivare a Milano si ferma in una bottega di Monza ed acquista due pani da tenere in tasca in caso di necessità.

 < Riassunto capitolo 32 Riassunto capitolo 34 >
No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!