Footer menù

LA LUNA E I FALO’ di Cesare Pavese | Riassunto, analisi e commento

Leggi anche: Introduzione al romanzo

Trama:
Protagonista e voce narrante del romanzo La luna e i falò di Cesare Pavese è un quarantenne, ricco ma malinconico, che dopo avere fatto fortuna in America ritorna nel proprio paese di origine, lasciato in giovane età. Il suo vero nome non viene mai dichiarato, viene reso noto solo il suo soprannome: Anguilla. Non viene mai nemmeno nominato il paesino d’origine ma si sa solo che si trova nella valle del Belbo, vicino a Canelli, tra le colline delle Langhe in Piemonte.

Il ritorno in patria è l’occasione per ripercorrere con la memoria tutta la propria vita, partendo proprio dalle sue umilissime origini. Anguilla ritrova i luoghi, gli odori, i sapori e le abitudini della sua infanzia, per accorgersi infine che nella sostanza nulla è cambiato ma forse anche peggiorato. Le sue aspettative vengono inoltre disilluse dalla morte di tutte quelle persone che sperava di incontrare per leggere sul loro volto la sorpresa di ritrovarselo nuovamente di fronte, di trovarlo cambiato, di vedere il suo nuovo stato sociale di borghese.

Anguilla è un trovatello, un “bastardo”, un bambino senza genitori che è stato adottato ed allevato da una famiglia di poveri contadini per un interesse puramente economico: se ne prendono cura in cambio di un pagamento mensile rilasciato dall’ospedale di Alessandria. Se ne servono anche per svolgere i lavori pesanti nella loro tenuta. Fosse stato una ragazza, il loro interesse sarebbe stato quello di servirsene come servetta per le faccende di casa. Adottare un trovatello non è a quel tempo una opera di bene. Sono i più miserabili ad adottare i trovatelli .

Anguilla ricorda la sua vita a Gaminella, il vecchio casolare dove viveva la sua famiglia adottiva: Virgilia, Padrino e le due loro figlie naturali Angiolina e Giulia. Due eventi sfortunati, la morte della moglie e la distruzione del raccolto a causa di una grandinata, costrinsero Padrino a vendere la tenuta per trasferirsi con le due ragazze a Cossano per farle maritare. Alla morte di Angiolina e Giulia, l’uomo verrà letteralmente buttato in strada dai due generi e dovrà mendicare fino al giorno della sua morte.

Il protagonista venne invece mandato a lavorare presso la grande fattoria della Mora, proprietà di sor Matteo. Anguilla racconta così le vicende delle sue tre figlie Irene, Silvia e Santina, che il ragazzo aveva potuto osservare solo da lontano vista la sua diversa estrazione sociale (era semplicemente uno dei servitori). Se inizialmente Anguilla era rimasto colpito dalle ragazze e le guardava in adorazione, rapito dalla loro bellezza, con il passare degli anni iniziò invece a farsi largo la compassione per le loro tristi vicende. Nessuna delle tre ragazza risulterà vincitrice nella vita: la bionda Irene finirà per sposare uno spiantato, dedito al gioco, che la picchia; la sensuale Silvia morirà in seguito ad un aborto voluto per evitare di dare alla luce un “bastardo”, abbandonata dal dongiovanni di provincia che non ne voleva sapere di sposarla.

Dopo il periodo della Mora, terminato il servizio militare, Anguilla si trasferì a Genova e fu a causa della minaccia di persecuzione da parte dei fascisti per la sua attività sovversiva, non per il desiderio di arricchirsi, che si imbarcò per il nuovo continente.

Della sua vita in America ricorda invece i diversi amori mai appaganti ed i diversi lavori (tra i quali quello di contrabbandiere di alcolici nel periodo del proibizionismo) svolti ogni volta in una città differente in un perpetuo viaggio alla ricerca di una meta definitiva.

One Response to LA LUNA E I FALO’ di Cesare Pavese | Riassunto, analisi e commento

  1. Luca febbraio 1, 2016 at 8:32 am #

    L’ho finito ieri e non mi ha appassionato molto questo libro, non mi è piaciuto molto il modo di scrivere di Pavese. A volte è difficile capire l’utilità di certi capitoli.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!