Footer menù

Letteratura italiana del 900: tra le due guerre

I GRANDI AUTORI DEL NOVECENTO ITALIANO:
Calvino Italo
Montale Eugenio
Pavese Cesare
Pirandello Luigi
Saba Umberto
Svevo Italo
Ungaretti Giuseppe


L’inizio secolo Tra le guerre Dal secondo dopoguerra al XXI secolo

“La ronda” e il ritorno all’ordine. Nel primo dopoguerra e con il regime fascista, la letteratura italiana entra in una fase di riflusso e perde contatto dalla coeva letteratura europea. Mentre in Francia, Inghilterra e Germania (quest’ultima fino all’avvento del nazismo, nel 1933) proliferano le avanguardie e si moltiplicano le sperimentazioni, in Italia si registra un “ritorno all’ordine”, in parte dovuto alla censura fascista, in parte al grande shock della Prima guerra mondiale, che raffredda gli entusiasmi dei tanti scrittori e intellettuali che negli anni Dieci propugnavano un rinnovamento. Tornano dunque i modelli tradizionali: gli scrittori degli anni Venti-Trenta guardano ai grandi autori del passato che diventano talvolta fonti di vere e proprie imitazioni o di riletture parodiche. A dominare è uno stile basso o, al contrario, uno lezioso che dà vita alla “prosa d’arte”, tipica degli anni Venti ed esercitata da scrittori vicini alla rivista “La ronda”, diretta da Vincenzo Cardarelli (1887-1959). Quello che manca alla letteratura italiana di quegli anni, a eccezione di grandi scrittori che hanno saputo esprimere mirabilmente e senza condizionamenti le inquietudini del tempo, è un confronto diretto con la realtà, interpretata spesso attraverso altre strade, tra cui il fantastico, il mito e, come visto, la parodia e la perizia formale.

Il “realismo magico” e il fantastico. Un’interpretazione della realtà in chiave allusiva ed enigmatica è offerta dagli scrittori che orbitano intorno alla rivista “900” di Massimo Bontempelli (1878-1960): con la formula di “realismo magico” Bontempelli giustifica la predilezione per il meraviglioso nelle sue prose. L’attrazione per il sotto- e sovramondo rappresentato dall’onirico, dall’inconscio e riprodotto nelle arti figurative dai grandi artisti surrealisti e della corrente metafisica, stimola la fantasia di molti scrittori italiani che si avventurano nel genere fantastico e surrealista, tra cui Dino Buzzati (1906-1972) e Tommaso Landolfi (1908-1979).

“Solaria” e il dissenso. Un atteggiamento meno ossequioso nei confronti del regime fascista si ha da parte degli intellettuali e scrittori che si raccolgono intorno alla rivista fiorentina “Solaria”, che diventa il polo del dissenso e del tentativo di fornire un’interpretazione più verosimile dell’Italia piccolo-borghese abbrutita dal totalitarismo. I maggiori esponenti delle lettere di quegli anni hanno rapporti diretti o indiretti con “Solaria”: tra questi Eugenio Montale, Italo Svevo, Umbero Saba, Salvatore Quasimodo (1901-1968), Carlo Emilio Gadda (1893-1973), Elio Vittorini (1908-1966)… Sono altresì gli anni del romanzo di formazione – interpretato in modo più problematico che in passato –, che trova in Alberto Moravia (1907-1990) uno dei maggiori interpreti.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!