Footer menù

Parafrasi canto 18 (XVIII) del Purgatorio di Dante

Parafrasi del Canto XVIII del Purgatorio – Virgilio spiega a Dante come la volontà dell’uomo sia importante nello scegliere le giuste passioni. Compaiono poi le anime degli accidiosi, spinte dall’amore a correre lungo la cornice per compensare la pigrizia che in vita dimostrarono nell’amare, e Dante riesce a parlare con l’abate di San Zeno.

Leggi il testo del canto 18 (XVIII) del Purgatorio di Dante


Aveva in ultimo messo fine al suo ragionamento
il mio eccelso maestro, Virgilio, ed osservava attentamente
il mio sguardo per capire se ero contento della spiegazione ricevuta;

ed io, che ero ancora stimolato da un nuovo desiderio di sapere,
non dicevo nulla apertamente, ma pensavo dentro di me: “Forse
potrebbe infastidirsi per il mio continuo domandare”.

Ma quel mio padre sincero, che sia accorse
della mia timida volontà che non veniva espressa apertamente,
con le sue parole mi diede infine il coraggio di parlare a mia volta.

Dissi perciò: “Maestro, il mio vedere la verità, la mia conoscenza
si rinorza a tal punto nella luce del tuo sapere, che riesco a distinguere
chiaramente ogni argomento che il tuo ragionamento suddivide o analizza.

Perciò ti prego, mio dolce ed amato padre,
di spiegarmi meglio cosa sia l’amore al quale riconduci
ogni modo di agire corretto ma anche, al contrario, sbagliato.”

Mi disse allora: “Indirizza verso di me tutta la sagace forza
della tua intelligenza e ti sarà così evidente
l’errore che commettono i ciechi che vogliono diventare guide.

L’anima umana, che nasce già pronta, predisposta per amare,
è attratta e si muove verso ogni cosa che le piace, non appena
la bellezza della cosa stessa rende attiva questa sua predisposizione.

La vostra capacità di imparare ottiene l’immagine della cosa
dalla realtà oggettiva e la sviluppa poi dentro di voi
così da indurre infine l’animo a rivolgersi verso di essa;

e se, una volta rivolto verso di essa, ne è anche attratto,
allora quell’attrazione è amore, quella è la predisposizione naturale
verso il piacere che per la prima volta si attiva dentro di voi.

Poi, così come il fuoco si muove verso l’alto per la sua stessa essenza
che lo spinge naturalmente a salire fino al punto,
la sfera del fuoco, dove può durare di più potendosi unire al suo elemento,

allo stesso modo l’animo umano posseduto dall’amore inizia a desiderare
ciò che gli piace, atteggiamento che è un movimento spirituale e non smette
fintanto che la cosa amata gli può procurare piacere, procurare gioia.

Adesso ti può finalmente apparire chiaro quanto siano lontane
dalla verità le persone che credono ciecamente
che ogni tipo di amore sia di per sé una cosa che merita lode;

potrebbe anche essere che la sua sostanza ci appaia
sempre positiva, ma non tutti i suggelli sono buoni
solo perché è di buona qualità la cera con cui sono stati fatti.”

“La tua spiegazione e l’attenzione con cui l’ho seguita”
risposi a Virgilio, “mi hanno infine reso chiaro il concetto di amore,
ma questa nuova conoscenza mi ha riempito di molti altri dubbi;

perché, se il nostro amore viene stimolato solo da cose esterne a noi
e l’anima non può essere mossa se non dall’impulso ad amare,
alla fine, sia che agisca in modo giusto che sbagliato, non ne ha di colpe.”

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!